Il calendario sardo, legato al ciclo dei lavori nei campi, comincia a Settembre.

Settembre in Lingua Sarda è chiamato:
Cabudanni – Cabidanni – Cabudanne
termine deriva dal latino caput anni, ovvero inizio dell’anno.

Ottobre in Lingua Sarda è chiamato:
Ladamini – Mes’e Ladàmini – Santuaine – Santumiale
richiama “su ladàmini”, cioè il concime, e corrisponde a quella parte dell’anno in cui si concimano i terreni e all’importante festa di San Gavino Martire che si festeggia il 25 ottobre.

Novembre in Lingua Sarda è chiamato:
Donniassantu – Santandria – Mes’e de Santu Sadurru – Mese de sos mortos

Dicembre in Lingua Sarda è chiamato:
Mes’e Idas – Nadali – Nadabi – Nadale – Mes’e Paschixedda – Paschixedda 
il primo richiama la denominazione latina delle Idi, gli altri invece si riferiscono alla festa del Natale.

Gennaio in Lingua Sarda è chiamato:
Gennàrgiu – Gennarxu – Bennalzu – Bennarzu – Ennalzu
deriva dal nome dal mese latino Januarius o Giano.
GENNAIO 2020

Febbraio in Lingua Sarda è chiamato:
Friàrgiu – Freàrgiu – Friarxu, – Frealzu – Frearzu

Marzo in Lingua Sarda è chiamato:  
Martzu – Maltu – Martu
deriva da Marte, dio romano della guerra.

Aprile in Lingua Sarda è chiamato:  
Abrili – Arbili – Abrile
deriva da Aprilis che probabilmente deriva da Aprul, dea etrusca.

Maggio in Lingua Sarda è chiamato:  
Maju
deriva dal mese di Majus, dedicato alla dea madre, simbolo di prosperità e abbondanza.

Giugno in Lingua Sarda è chiamato:  
Lampadas – Mes’e Làmpadas – Is Làmpadas – Làntias
sono le lampade o meglio le luci che venivano accese in occasione della Festa di San Giovanni, una delle più importanti ricorrenze sarde.

Luglio in Lingua Sarda è chiamato:  
Agriolas – Mes’e Argiolas – Orgiolas – Mes”e Trìulas –  Mes’e su Cramu – Cramu
i primi richiamano i lavori agricoli: grano, s’argiola è l’aia e triulai significa trebbiare. Gli ultimi richiamano l’importante festività della Madonna del Carmine.

Agosto in Lingua Sarda è chiamato:  
Austu 
dedicato all’imperatore Augusto. Mese di festa